Alessio Santacroce – L’intervista ad un artista di Livorno

Alessio Santacroce intervista

Alessio Santacroce (moniker Santacroce) chitarrista, autore e scrittore molto impegnato nel sociale, che vanta anche una carriera ventennale con La Quarta Via nel panorama indipendente nazionale, ci racconta qualcosa di sè.

-Sei un artista a tutto tondo, impegnato anche nel sociale: raccontaci un po’ la tua storia.
Sono sempre stato un creativo e quando vado in crisi con una forma d’arte passo ad altro fino a quando non torna l’ispirazione. Fondamentalmente sono un autore di canzoni anche se devo molto al mio terzo romanzo noir, “Le pietre di padre cenere”, che mi ha aperto molte strade.

-Come mai la scelta di avviare un progetto solista?
Avevo bisogno di gridare alcuni pensieri in prima persona. I testi del disco sono estremamente forti e personali, non potevo delegare ad altri il mio messaggio.

-Quali sono i temi principali delle tue canzoni?
L’ingiustizia sociale, il tema della migrazione sia dei popoli che dell’anima, la battaglia contro i dubbi che minano le nostre vite. E’ un disco in cui mi ritrovo perfettamente perché ho detto tutto quello che sentivo il bisogno di comunicare.

-C’è un artista che ti ha ispirato particolarmente?
Assolutamente no. Ho soltanto alzato il volume della chitarra e cantato i miei testi che credo siano il piatto forte del disco.

-Hai sulle spalle almeno vent’anni di carriera artistica: quali sono, secondo te, le differenze nel panorama musicale italiano tra i primi anni ed oggi?
Oggi con la rete è molto più semplice far girare i propri brani, prima si facevano centinaia di chilometri col rischio di suonare davanti a poche persone. Purtroppo però la crisi culturale sta devastando un panorama dove chi fa musica originale trova sempre meno spazi al contrario delle varie tribute band che sono il segno lampante che siamo alla frutta. Organizzare un live è molto più difficile adesso.

-Qualche novità in vista che magari vorresti condividere in anteprima con noi?
Dopo il primo concerto abbiamo una voglia matta di tornare sul palco. Ho messo insieme una super band e ci siamo trovati subito benissimo. Lavoreremo a un nuovo video…forse anche live. Grazie.

 

Per  saperne di più su Alessio Santacroce:

Grazie Alessio, per questa intervista è tutto!

STAY ROCK! 😉

Related posts

One Thought to “Alessio Santacroce – L’intervista ad un artista di Livorno”

Comments are closed.